• 0
    Il tuo carrello è vuoto

Alcuni quadri famosi nascondono dei segreti …

Alcuni quadri famosi nascondono dei segreti …

10/01/2020

Tantissimi dipinti che ammiriamo nei musei e che conosciamo per la loro fama nascondono dei segreti che in pochi conoscono. Ecco alcuni quadri famosi che hanno una storia diversa da quella conosciuta oppure che sono pieni di misteri:

La Gioconda forse aveva perso qualche dente

Secondo lo specialista d’arte americana Joseph E.Borkowski, la Gioconda, ovvero la donna rappresentata in questo famosissimo quadro di Leonardo, non aveva tanti denti nella parte anteriore della bocca. L’ipotesi lanciata dallo studioso americano è arrivata in seguito ad un’attenta analisi dell’opera che mostra alcuni piccoli segni vicino alle labbra, segni che insieme all’espressione della donna sono tipici di coloro che hanno perso parte dei denti nella parte anteriore della bocca. 

“Il quadrato nero” di Malevich non è né nero né quadrato

Secondo quanto scoperto, la celebre opera di Kazimir Malevich “Il quadrato nero” in realtà ha una forma che non è quadrata, in quanto i lati non sono paralleli tra loro e nemmeno i bordi della cornice lo sono. Non solo, a quanto pare il “nero” non è proprio nero: l’artista non ha usato la vernice nera pura, ma una miscela di colori. I motivi di queste scelte non sono ben noti, ma alcuni critici sostengono che si tratti della volontà di dare più dinamismo all’opera.

”Da dove veniamo? Cosa siamo? Dove stiamo andando?“ di Gauguin va guardato da destra a sinistra

Parliamo di uno dei dipinti più famosi di Paul Gauguin. Pur essendo molto conosciuto, non tutti conoscono alcune particolarità che riguardano questo quadro: si tratta di un’allegoria della vita fisica e spirituale di un uomo e va guardato da destra a sinistra. Infatti, in basso a destra si può osservare un neonato per poi arrivare nella parte sinistra in cui è raffigurata l’inevitabile morte dell’uomo. 

Eseguito a Tahiti mentre Gauguin era alla ricerca di se stesso, questo quadro era il testamento del pittore, che aveva anche tentato di suicidarsi con l’arsenico, sopravvivendo dopo aver sbagliato le dosi. Dopo aver realizzato questo quadro il pittore conobbe un altro periodo di successi.

“Ritratto di Adele Bloch-Bauer” di Klimt ha segnato la fine della storia dell’artista con la sua amante

Nel famoso dipinto di Klimt è ritratta la moglie del magnate austriaco Ferdinand Bloch-Bauer; la donna per diverso tempo ha posato per l’artista e divenne anche la sua amante. Quello che non è noto a molti è che il marito, a conoscenza del rapporto tra i due, per vendicarsi e sperando che l’interesse tra i due scemasse, ordinò al pittore centinaia di bozzetti dello stesso quadro. Effettivamente negli anni l’artista iniziò ad allontanarsi dalla donna e la relazione finì.

Il colore giallo che prevale nella “Camera ad Arles” di Van Gogh ha un significato diverso da quel che si pensava

Secondo tanti critici e specialisti, il giallo che predomina nel quadro di Van Gogh realizzato durante la sua permanenza ad Arles non è stata una scelta per simboleggiare sicurezza e comfort, ma solo un effetto collaterale della terapia che l’artista seguiva per curare l’epilessia e dunque rappresentava il desiderio di sonno e di riposo.

Articolo a cura di: Aurora Caraman