• 0
    Il tuo carrello è vuoto

Quadri celebri ispirati alla musica

Quadri celebri ispirati alla musica

15/01/2021

La musica è stata d’ispirazione per numerosi artisti di fama mondiale e tuttora continua a fornire idee brillanti ad artisti di ogni parte del globo. Matisse e Kandinsky sono solo alcuni dei nomi celebri che ispirandosi alla musica hanno creato opere di grande valore, mentre altri artisti come Leonardo, Tintoretto e Giorgione usavano la musica in sottofondo per creare. Ora vediamo dettagliatamente quali sono i quadri celebri ispirati alla musica.

Kandinsky e la musica di Arnold Schönberg

Il pittore russo era un grande amante della musica, nonché un pittore profondo dal puntodi vista artistico e sempre alla ricerca della perfezione. Diversi suoi lavori sono nati proprio grazie alla musica ed al collegamento che questa arte ha conla pittura.

Parliamo peresempio di “Impressione III: Concerto”, uno dei dipinti più celebri tra quelli realizzati da Kandinsky. In questo caso il pittore ha voluto trasmettere le sue emozioni ed impressioni dopo aver partecipato il 2 gennaio del 1911 ad un concerto del compositore austriaco Arnold Schönberg. L’artista russo rimase particolarmente colpito dall’estasiante musica che ebbe modo di ascoltare a questo concerto tenutosi a Monaco di Baviera; attraverso questa opera e le altre che ha realizzato il pittore mirava a raccontare il grande legame che c’è tra la musica e la pittura.

Per capire quanto la musica fosse di ispirazione per questo pioniere dell’astrattismo basti vedere anche i termini che utilizzava per descrivere ed intitolare i suoi lavori: composizione, impressione, improvvisazione, ecc.

Paul Klee e le opere create basandosi sulla musica

Intersecare musica e pittura era un processo naturale per Paul Klee, artista che aveva un passato da violinista. Nei suoi lavori, Klee trasmetteva spesso l’energia di quello che ascoltava. Parliamo soprattutto di musica classica, di Bach, compositore che ha omaggiato anche nel suo famoso lavoro intitolato “Polifonia”.

Matisse e Mondrian: due amanti della musica classica e del jazz che hanno portato la musica sulla tela

Matisse era un amante della musica classica, ma anche del jazz. A casa sua teneva spesso concerti di Beethoven e Mozart, soprattutto durante il periodo invernale, mentre l’armonia e la purezza di Bach lo ispiravano nella sua pittura. “Musica” o “La danza” sono alcuni dei suoi dipinti ispirati alle opere di Bach.

Molto interessato alla musica jazz era anche Piet Mondrian, pittore che ha apprezzato questo genere di musica soprattutto intarda età. Arrivato a New York per sfuggire dalla guerra, a quasi 79 anni Mondrian continuava ad emozionarsi continuamente per la musica ed era un ammiratore della vita notturna di New York, nonché un assiduo frequentatore di un locale chiamato Minton’s Playhouse. Ma a Mondrian piaceva anche il più frenetico boogie-woogie ed a questo genere ha dedicato anche un’opera, una delle ultime che ha realizzato questo pittore straordinario. Parliamo di“Victory Boogie-Woogie”, quadro sfortunatamente rimasto incompiuto in cui l’artista, attraverso la distribuzione asimmetrica di blocchi, linee gialle e piccoli tocchi colorati trasmette ritmo e vivacità, aspetti che caratterizzanoquesto genere musicale, ma anche la notte di New York con le sue mille luci.

Articolo a cura di: Aurora Caraman

Prodotti correlati